Scroll to top

Cotovia

Il 17 maggio il Ristorante Pizzeria S’Incungiu ha avuto l’onore di ospitare l’ultima tappa del tour italiano di Cotovia, lo spettacolo organizzato da Mesa Noa Food Coop e Eutropia con Nêga Lucas e Luiz Felipe Lucas. Cotovia è uno spettacolo che «parla al cuore del pubblico tra ballo, musica e teatropoesia: così gli spettatori si immergono in un rituale di rinascita dei sensi, del corpo e dell’anima passando per l’amore. Un dialogo simbolico tra la vita e la morte, danza di addio e benvenuto tra femminile e maschile, corpo integro e malato. L’amore romantico, lo rivela, lo smaschera, poi lo distrugge… per cercare nuovi modi di amare, nuovi modi da vivere. Lo spettacolo propone un viaggio nella simbologia dei poli opposti che si uniscono fino ad armonizzarsi in una unità. Come fratello e sorella in simbiosi sulla scena.

Nêga Lucas nasce e cresce in Brasile, vive a Barcellona da oltre un decennio, si definisce una nera meticcia e abitante del mondo. È una delle voci più potenti del nuovo jazz brasiliano. Canta con lo stesso spirito con cui conduce tutta la sua carriera, con intensità e passione. Ha condotto il suo percorso musicale viaggiando dalla sua patria, Minas Gerais, fino a Barcellona, Parigi e Berlino, dove ha lavorato con musicisti provenienti da tutto il mondo e dove ha incontrato diversi modi di scoprire differenti riti, culture e influenze musicali. Nêga mescola samba, il suo primo riferimento musicale, con musica latina, afro-brasiliana e jazz, in un concerto pieno di energia e di colore, trasformando il suo lavoro in una dimensione ibrida camaleontica.

Con il suo lavoro è venuta a rappresentare la nuova ondata brasiliana, avvicinando a sé un nuovo pubblico con la sua musica emotiva e spontanea. Ha scelto l’Italia perché, come lei stessa dice, le ricorda la sua terra d’origine. Nêga negli ultimi anni ha mescolato musica, poesia, danza, teatro e produzione audiovisiva, in diversi modi, in giro per l’Europa e Brasile. Ha vinto il “Poentry Slam” Barcelona (marzo 2019), ed è finalista del premio Poesia a Napoli (Guida Editori – maggio 2019).

 

 

La performance è stata preceduta da un concerto in un cui Nêga è stata accompagnata dai suoni della chitarra di Matteo Pegna. Lo spettacolo è il primo di una serie di eventi che promuovono la multiculturalità e l’integrazione nel territorio sardo. Tra i valori di S’Incungiu non c’è solo la promozione dell’arte in tutte le sue forme (ci sono state promozioni di libri, e oltre ad altri concerti e altri spettacoli teatrali, sono previste anche rassegne di artisti di diverso genere), ma anche l’idea che c’è in Sardegna c’è bisogno di creare simbiosi e sinergia con le altre culture, di farsi suggerire e prendere spunto da altre realtà talvolta molto distanti dalle nostre per capire cosa possiamo migliorare della nostra.

Ricordiamo, a tal proposito, quello che ha detto Aldo Berlinguer nel suo intervento a DNA Fenapi: «essere promotori della propria terra, dei valori e della cultura dell’isola non vuol dire isolarsi». Al contrario, «è importante lo scambio di culture, i gemellaggi con le altre tradizioni. Il concetto di cultura deve esteso anche al territorio nazionale ed europeo, non può e non deve limitarsi al contesto dell’isola». La Sardegna fa parte dell’Europa ed è una grande opportunità per l’isola farne parte, questo però ci impone di “allargare” le nostre vedute senza ridurci al contesto dell’isola. l’Europa nasce anche per fare comunità e per evitare guerre, è un contesto da cui si può (e si deve) prendere, ma a cui bisogna anche dare.

«Far parte di un’unica comunità è un modo salvaguardare la pace» e questo può avvenire se si apre la porta a ciò che è diverso, si prova a capirlo e ad accettarlo. «La comunità europea va vista nel suo insieme, solo così potrà aiutare l’economia e le relazioni senza limitare e uccidere le varie realtà che ne fanno parte», Sardegna compresa.

 

Giorgia Sitzia

 

 

Related posts

Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi l' informativa sui cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi